lunedì 30 maggio 2011

Firdaria, riscopriamo un antico metodo di previsione

pagina di un libro di Abu Ma'shar
Gli astrologi sono sempre stati affascinati dalla possibilità di identificare in anticipo i periodi della vita di una persona secondo il tipo di avvenimenti che vi si manifestano, periodi felici o infelici, attivi o inattivi, fortunati o sfortunati, portatori di ricchezza o di povertà, litigiosi o pacifici, dediti allo studio o ai piaceri,  ecc. ecc. e a questo scopo hanno ideato e messo in pratica dozzine di sistemi di previsione.
Uno dei più antichi ma non il più antico è il metodo chiamato delle Firdarie.

In pratica ad ognuno dei 7 pianeti tradizionali, con l'aggiunta dei Nodi Lunari,  viene assegnato un certo numero di anni, diversi per ciascun pianeta (e Nodo) che sono dichiarati sotto il suo dominio, il pianeta diviene cioè per quel periodo un chronocrator, signore del tempo, dopo di che il comando viene passato al pianeta che segue nell'ordine, sempre lo stesso ordine per tutti (l'ordine caldeo dei pianeti tanto per intenderci) ed alla fine del ciclo dei pianeti vengono posti i nodi lunari nord e sud.

A seconda che la carta sia diurna o notturna, di soggetto cioè nato con il sole posto sopra o sotto l'asse Asc/Dsc, il ciclo parte dal Sole o dalla Luna, vi sono cioè solo due cicli principali.
Ogni ciclo completo conta 75 anni, sia in caso di carta diurna che notturna, dopo di che si ricomincia da capo (ma non si conosce nessuno che sia vissuto per due cicli interi di firdaria...)


Questi periodi di dominio dei pianeti vengono chiamati Firdarie, parola persiana che vuole significa proprio "periodo" e furono introdotti per la prima volta nella pratica astrologica dal famoso astrologo di scuola persiana Abu Ma'shar da molti conosciuto come Albumasar, attivo nel nono secolo, tra la fine del periodo Ellenistico/Romano e l'inizio del periodo Medioevale.
Di lui ci sono arrivati solo i commenti sul suo primo libro e alcune traduzioni dei libri seguenti, molti astrologi lo hanno pedissequamente citato ma la difficile disponibilità dei testi originali ha fatto si che nei secoli si sia perso il riferimento preciso del calcolo e le regole esatte di interpretazione dettate dall'autore; la discrepanza più eclatante è l'ordine in cui inserire i periodi governati dai nodi lunari che nelle carte notturne, quelle inizianti con la Luna, alcuni inseriscono dopo Marte e altri invece, più giustamente secondo le ultime fonti, alla fine del ciclo dei sette pianeti.

Tutto parte da una cattiva interpretazione prima da parte di Alcabitius e poi di Guido Bonatti che lo cita pari pari, fortunatamente il ritrovamento recente di testi originali antichi e la loro traduzione da parte di studiosi americani e inglesi, ha portato in questi ultimi anni alla accettazione da parte di noti astrologi come Robert Hand o Steven Birchfield della alternativa che prevede i nodi lunari posti in fondo al ciclo sia in carta diurna che notturna.

                              Carta Diurna                              Carta Notturna

                           Sole           10 anni                       Luna          9 anni
                           Venere         8 anni                      Saturno    11 anni
                           Mercurio    13 anni                     Giove       12 anni
                           Luna            9 anni                      Marte         7 anni
                           Saturno      11 anni                      Sole          10 anni
                           Giove         12 anni                      Venere       8 anni
                           Marte           7 anni                      Mercurio  13 anni
                           Nodo Nord  3 anni                     Nodo Nord  3 anni
                           Nodo Sud    2 anni                      Nodo Sud   2 anni
                                       _________                                _________
                            Totale       75 anni                        Totale     75 anni

Detto questo non esistono degli studi fatti da astrologi di una certa scienza ed esperienza che possano dire l'ultima parola su quale dei due sistemi di firdaria per le carte notturne funzioni meglio ed io lascio che ognuno decida da solo quale sistema usare. 

L'obiezione più comune che viene posta al sistema delle Firdarie è che con questo sistema le vite delle persone sono divise in periodi così lunghi che non possono certo corrispondere alle alterne vicende della vita di ogni persona che a volte si snodano a intervalli brevissimi se non proprio una dietro all'altra, e poi c'è la questione della troppo semplicistica divisione dei soggetti tra quelli nati di giorno e quelli nati di notte, queste obiezioni sembrerebbero fondate se non fosse che restano da dire alcune cose che rendono la materia ben più complessa di quanto non sembri.

Prima di tutto i periodi di ciascun pianeta vengono a loro volta suddivisi in sette sotto periodi uguali, nuovamente assegnati ai sette pianeti tradizionali, cominciando da quello della firdaria principale, e posti sempre nello stesso ordine caldeo, queste sotto-firdarie diventano quindi dei periodi abbastanza brevi che vengono governati contemporaneamente da due pianeti, il governatore della firdaria e quello della sotto firdaria.
I cicli delle firdarie sotto la signoria dei Nodi Lunari non vengono divisi in sotto firdarie in quanto sono già dei periodi molto brevi.


 Firdaria principale               Calcolo                     durata sotto-Firdarie

Sole          10 anni        10x365:7=521,43       1 anno+  5 mesi+   4 giorni (ca)
Venere        8 anni          8x365:7=417,14       1 anno+  1 mesi+ 22 giorni(ca)
Mercurio    13 anni         13x365:7=677,86       1 anno+10 mesi+   9 giorni (ca)
Luna           9 anni          9x365:7=469,28       1 anno+  3 mesi+ 13 giorni(ca)
Saturno     11 anni         11x365:7=573,57       1 anno+  6 mesi+ 26 giorni(ca)
Giove        12 anni         12x365:7=625,71       1 anno+  8 mesi+ 18 giorni(ca)
Marte          7anni           7x365:7=365           1 anno     0 mesi     0 giorni


In secondo luogo i significati dei pianeti non sono (solo) quelli che vengono naturalmente assegnati ai pianeti dalla tradizione astrologica, ma principalmente quelli ricavati dalle simbologie che possiedono nel tema natale della persona in oggetto (signorie, posizione nelle case, governatorati).

Un periodo governato da venere/saturno vuol dire una cosa se nel tema natale venere e saturno sono, per esempio, i governatori della 4a e 7a casa e, sempre per esempio, congiunti in 10a, ma vogliono dire una completamente diversa se invece sono i governatori della 1a e della 8a e sono situati in 12a.

Questo modo di interpretare le Firdarie è abbastanza moderno, se non modernissimo, dettato dal buon senso e dai risultati di esperimenti di pochi astrologi di buona volontà, e se da una parte riesce a dare una netta individualità ad ogni carta natale d'altra parte contribuisce non poco a rendere molto soggettivo l'uso di questo sistema e quindi difficile da studiare da parte di coloro che vogliono apprenderne l'uso.

Il fatto è che purtroppo ad oggi non è pervenuto alcun testo che riporti le regole di interpretazione usate dai maestri antichi con cui potersi confrontare.
L'unico testo arrivato a noi con degli aforismi relativi ad ogni firdaria è molto tardo ed è più una fonte di divertimento che uno strumento di qualche utilità per l'astrologo volonteroso (Johannes Schoener : Libro III sul Giudizio delle Natività).

Ad ogni modo, non è mai sbagliato voler tentare di imparare, e per spiegare come funziona il metodo delle firdarie prenderò come esempio il tema natale di Dominique Strauss-Kahn, da me trattato ampiamente nel post precedente (qui).



Il tema è diurno, e se sommiamo gli anni delle varie Firdarie cominciando da quella del Sole troveremo che al momento del suo arresto a New York per tentata violenza carnale il soggetto si trovava (e si trova ancora) nella Firdaria principale di Giove e sotto-Firdaria di Saturno, si può dire più semplicemente che il soggetto è sotto Giove/Saturno.

La Firdaria di Giove è iniziata per il soggetto il 24 Aprile del 2000 e terminerà dopo 12 anni giusti il 23 Aprile 2012, il 24 Aprile 20012 inizierà la Firdaria di Marte, ricordiamoci che le Firdarie principali vanno sempre da compleanno a compleanno.

La firdaria principale di Giove comincia con la sotto-firdaria di Giove e finisce quindi con quella di Saturno, la sotto firdaria di Saturno per il nostro soggetto (potete fare da voi i calcoli con le tabelle date sopra) è iniziata il 7 Agosto 2010 e terminerà, assieme alla Firdaria principale di Giove, il 23 Aprile 2012.

Il 24 Aprile 2012 assieme alla firdaria principale di Marte avremo il contemporaneo inizio della sotto firdaria di Marte (ancora una volta ricordo che i sette cicli delle sotto firdarie cominciano sempre con il sotto-ciclo retto dallo stesso pianeta che regge la firdaria principale).
Pertanto dal 24 Aprile 2012 al 24 Aprile 2013 il soggetto sarà governato da Marte/Marte.

 Giove è nel tema natale di Dominique Strauss il governatore della casa 6a (lavoro) e della casa 9a (estero, viaggi), Saturno è invece governatore della casa 7a (moglie, noie legali processuali) e 8a (soldi della moglie, i soldi degli altri, debiti con lo stato).
Giove è in casa 7a (vedi sopra) e Saturno in casa2a (soldi), opposto alla 8a.

Per quanto riguarda il futuro dopo il 24 Aprile 2012 la firdaria Marte/Marte non promette molto di buono visto che Marte nel tema natale è governatore della 5a casa (sesso) e della 10a (carriera) e si trova in 10a (carriera)

Mi sembra che non occorrano altre parole per dimostrare come si possano impiegare le Firdarie come sistema di previsione, ovviamente assieme ad altri sistemi quali direzioni, ritorni solari ecc. ecc.


giovedì 19 maggio 2011

Strauss-Kahn, se Marte non sa starsene in disparte...

Che potesse finire sui giornali a causa dei suoi istinti da donnaiolo impenitente lo avevano già messo in preventivo da tanto tempo un pò tutti queli che lo conoscono, amici e nemici, ma che potesse finire in galera (e starci) per violenza sessuale forse non se lo immaginava nessuno.

Fatto sta che uno degli uomini più potenti della terra, il presidente dell'FMI, Fondo Monetario Internazionale, l'ente che decide della sorte di tutti i paesi (e sono tanti oggi) con forte debito e a rischio bancarotta, che rilascia o nega prestiti di miliardi di dollari, che impone misure economiche impopolari ai paesi che ricorrono ai suoi prestiti, che decide del destino di valute nazionali e governi, e quindi degli equilibri economici del mondo intero, ecco proprio il gran capo di questo ente, Dominique Strauss-Kahn, è oggi ospitato dal governo americano in una cella, dopo essere stato arrestato all'aereoporto mentre partiva per ritornarsene a casa, in Francia, accusato di violenza sessuale verso una inserviente dell'albergo di New York in cui era alloggiato.

scortato in manette in Tribunale
Checchè se ne possa dire, non stiamo parlando un uomo qualunque, la sua biografia parla di famiglia molto ricca, di discendenza ebrea, una infanzia tra Francia e Marocco, poi Montecarlo, quindi gli studi superiori a Parigi, laurea in Diritto Pubblico, dottorato in economia, non passa l'esame per entrare alla famosa Scuola Nazionale di Amministrazione ma non si ferma certo, entra invece in politica, e riesce negli anni a costruirsi una posizione tale da diventare Ministro delle Finanze durante il governo Jospin, costretto poi a dimettersi per uno scandalo che lo coinvolge in una società di assicurazioni, nel 2007 viene nominato presidente dell'FMI di cui sembra sia stato un capo veramente capace e competente, oltre che attivissimo e instancabile negoziatore.

Fino a tre giorni fa era il candidato più favorito alla corsa per l'Eliseo contro l'uscente Sarkozy, probabilmente, a sentire voci provenienti dalla Francia, la decisione di rimettersi in gioco politicamente in casa, approfittando del prestigio ottenuto con la nomina alla presidenza dell'FMI, gli ha fatto diciamo così trovare una trappola sulla sua strada, trappola che, date le sue inclinazioni, non ha saputo vedere e a cui non ha saputo sfuggire, ma come dice quel vecchio proverbio... tanto và la gatta al lardo....sicuramente la zappa sui piedi se la sarebbe data da solo, prima o poi, ma si sà, i tempi in politica contano molto e quindi...

Piroska Nagy
Il nostro ex-presidente dell'FMi aveva già dovuto tempo fa sopportare lo scandalo di una relazione con una sua più giovane collaboratrice, l'economista ungherese Piroska Nagy, tacitata con una buonuscita e trasferimento ad altro incarico; poi una tentata violenza ad una giornalista, c'erano state quindi le voci e la minaccia di pubblicare foto che lo ritraevano mentre usciva da un Club Privè specializzato in scambi di coppia...elencare tutta la serie di scandali soffocati sul nascere, grazie al potere nelle mani del soggetto e ad un mal applicato diritto alla privacy porterebbe ad un elenco un pò troppo lungo anche se forse non proprio noioso....


con l'attuale moglie

Tipo piuttosto iperattivo, tre volte sposato, la prima volta a diciotto anni mentre era ancora a scuola (chi è abituato a pensar male qui è pienamente autorizzato a farlo) e quattro figli, una passione per il lusso, le belle donne,  i gadget tecnologici e i viaggi, mai fermo nella stessa città per più di qualche giorno, sempre con la valigia in mano, adesso gli tocca un pò di riposo forzato dato che gli è stata negata la libertà provvisoria e si prevede che ne avrà per un bel pò prima che la situazione si chiarisca in un modo o nell'altro, ma tanto per sapere di cosa stiamo parlando, il protagonista di questa storia, Dominique Strauss-Kahn, rischia fino a 75 anni di carcere.

Ma astrologicamente parlando, come si può vedere questa sua propensione per il potere, per il denaro, per la politica, per il sesso a tutti costi, costi quel che costi....?

Se non avessi il rispetto che ho per il sapere tramandatoci dagli astrologi del passato e anche per l'intelligenza delle persone che mi leggono potrei cavarmela con due righe o forse meno e mi basterebbe buttare là una frase così cara ai sostenitori della (pseudo) astrologia segno-solare tanto di moda oggi, potrei dire "è un soggetto toro evidentemente compensato, che si comporta come uno scorpione, ma non sempre, a volte come un toro a volte come uno scorpione....".

Naturalmente i segni compensati non esistono se non nella testa di quelli che non avendo imparato le basi dell'astrologia non sanno più che pesci pigliare quando si tratta di leggere un tema un pò più complicato del normale, la frase "è un segno compensato" vuol solo dire "non ci capisco niente ma non ho il coraggio di ammetterlo".

Lasciando perdere le amenità dell'astrologia segno-solare, notiamo subito nel tema natale, eretto per Neuilly-sur-Seine il 25 aprile 1949 con ora di nascita 11:10 am, data di nascita e ora classificati AA su Astrodatabank, che l'ASC è al primo grado del Leone. Sarà veramente così o con un piccolo ritocco dell'ora di nascita ce lo portiamo indietro in Cancro? Direi che il soggetto, da sempre alla ribalta, sempre in primo piano nel bene e nel male, attivo e sempre circondato di sostenitori e seguaci, amante del lusso e del potere (qualcuno lo ha definito il Re Sole del XXI secolo per il potere che controllava) è una persona dal comportamento assolutamente riconducibile al Sole, governatore del segno ascendente.
Per chi non ne fosse al corrente, l'astrologia ha sempre guardato all'Asc per capire il modo di comportarsi della persone, sia fisicamente che psicologicamente, e certo non al segno solare, invenzione questa dell'astrologia del XX secolo e, bisogna dirlo, assolutamente fuorviante nella maggioranza dei casi.
Non dobbiamo però dimenticarci, come di regola, di modificare le qualità del pianeta governatore del segno Ascendente con gli attributi forniti dal segno in cui si trova, per cui terremo conto che questo Sole in Toro è evidentemente, oltre che Leoninamente autorevole e centralizzante, anche molto simpatico e amichevole, dedito alle piacevolezze della vita, alla conquista e possesso di cibo, donne e denaro.

Un'altra caratteristica è la predominanza di pianeti alti nel cielo tra la 9a e la 11a casa, sinonimo, dicevano gli antichi, di nascita fortunata, di successo nella vita.

Per la sua carriera di avvocato, politico, economista basta andare a guardare per prima cosa la Luna (politica) congiunta al MC ma dalla 9a casa (legge, paesi esteri), poi il pianeta sorto davanti al Sole cioè Marte (avvocato) in 10a (governo, amministrazione pubblica) e in Toro (banche, soldi, sesso), il governatore della 6a casa Giove (politico, economista) in Acquario (socialismo) in 7a casa (consulenza, servizi legali) il governatore della 2a il Sole (capo, presidente, oro) che è anche in 10a casa e in Toro come Marte.
Tutti questi sono pianeti possibili candidati come significatori della carriera e come capita spesso alle persone con molti talenti diversi può essere che la carriera si sviluppi utilizzando le caratteristiche di tutti i significatori senza escluderne nessuno.

Per quanto riguarda le sue fissazioni c'è da notare Mercurio in Toro senza alcun aspetto maggiore con altri pianeti, eccetto un aspetto di antiscia con Plutone in 1a casa in Leone.

Di solito la mancanza di aspetti significa che le attenzioni di un pianeta sono tutte rivolte in maniera maniacale verso un settore solo della vita.
Maniera rappresentata dal segno (di terra, prosaico, godimento, soldi, sesso), settore invece rappresentato dalla casa (amici, progetti, associazioni, gruppi, partiti).
Mercurio in Antiscia a Plutone significa che i due pianeti si comportano come in congiunzione, ma contemporaneamente in tutte e due le case e con modalità "segreta, nascosta, nell'ombra".
Ecco che Plutone, pianeta del potere nascosto, ancora più potenziato dall'essere in Leone e in 1a casa (forte egoismo), dona autorità e disprezzo delle regole ad un Mercurio che è governatore della 12a casa (la casa delle disgrazie) ed essendo in 11a segnala pericolo di tradimento da parte di amici, abbandono dal proprio gruppo, rovesciamenti di posizione, progetti e speranze deluse....

Ma il bello è ancora da scoprire, Luna quadrata a Urano dalla 12a (la casa di ciò che è tenuto nascosto, della prigionia oltre che delle disgrazie) è il massimo della imprevedibilità, dei fallimenti improvvisi, degli scandali, dei cambiamenti di vita, per un uomo instabilità affettiva, eccitabilità emotiva, sentimenti perversi e affari clandestini, volubilità nel matrimonio e in genere problemi e dispiaceri dalle donne...con la Luna in 9a anche da donne straniere o conosciute in viaggio, con Luna congiunta al MC donne conosciute per lavoro o nel lavoro.

Marte in Ariete è sempre scalpitante, un pò sopra le righe, ma quando è angolare, congiunto al Sole e al Nodo Nord lunare, quadrato a Giove, allora i problemi possono farsi seri.
Marte è pianeta classificato Caldo e Secco così come il segno dell'ariete, quindi insieme l'effetto aumenta, poi la combustione del Sole aumenta ancora calore e secchezza e nasconde Marte nella sua luce rendendolo subdolo, quindi la congiunzione partile con Nodo Nord che ha le qualità di Giove di aumentare, moltiplicare gli effetti di un pianeta però senza modificarne le qualità, quindi il quadrato  con Giove, altro pianeta della Triplicità di Fuoco, che aggiunge una ulteriore dose di impulsività, spregiudicatezza, mancanza di giudizio e di limiti, megalomania, ....beh non c'è da stupirsi se il Marte del personaggio in questione è segnato da pericolosa avventatezza, eccessi ed esagerazioni ed ogni tanto perde letteralmente il controllo di sè nel tentativo di abbassare, diciamo così, la sua temperatura, nel modo più consono a lui, che non per caso nel tema è governatore della 5a casa, per gli antichi la casa dell'amore e del sesso.
Marte non è necessariamente sempre violento, ci mancherebbe, ma a volte, nelle sue espressioni più esagerate e meno controllate può diventare per un istante il guerriero preda dei propri istinti che non riesce a vedere niente al di là della loro immediata soddisfazione, che non sa accettare un nò come risposta e non calcola le conseguenze dei suoi atti.

Manca qualcosa...? ah sì,  ci sarebbe da aggiungere il contributo di Venere in Toro congiunta al Sole in 10a...ma non vorrei esagerare....


giovedì 5 maggio 2011

Osama Bin Laden, l'enigma della nascita e della morte.

Ci sono poche persone della nostra epoca di cui si sia saputo così poco ma scritto così tanto e per così tanto tempo come il capo di Al-Qaeda appena eliminato, così almeno dicono le fonti ufficiali, dalle forze speciali USA nel suo rifugio pachistano.

Osama Bin Laden, noto anche come Usama bin Muhammad bin Ladin, il Principe, l'Emiro, Abu Abdallah, Mujahid Shaykh (Sceicco), Hajj, the Director (il Direttore) è stato per 10 anni l'uomo più ricercato del mondo, i mandati di arresto per assassinio, terrorismo, cospirazione e furto a mano armata erano stati rilasciati in USA ancora nel 1998 assieme ad una taglia di 5 milioni di dollari per notizie che potessero condurre al suo arresto.
La taglia venne poi aumentata nel 2006 a 60 milioni di dollari.
A poche ore dalla sua morte una cosa è sicura, nessuno saprà mai con certezza come e quando Bin Laden è stato ucciso e da chi, visto che è stato fatto sparire il suo corpo possiamo dire solo che "quasi" sicuramente è morto ma questo è tutto.

Non voglio certo addentrarmi in una analisi politica o militare della vita di Osama bin Laden o delle circostanze che hanno visto finire la caccia al temuto capo di Al-Qaeda ma solo mettere in evidenza come questo uomo sia stato un vero enigma per tutti dalla nascita fino alla sua morte.

Cominciamo infatti con il dire che nessuno possiede una data certa per la sua nascita.
Tutte le date che troverete su internet, a prescindere dalla serietà del sito, sono da considerarsi DD (Dirty Data, dati sporchi, non attendibili)  come mette ben in evidenza il sito di riferimento di tutti gli astrologi, cioè astrodatabank.

Purtroppo l'abitudine di tutti gli internauti di utilizzare informazioni senza citarne la fonte fa sì che dopo un pò di tempo nessuno possa più capire se una data informazione è valida oppure nò, e questo vale nel nostro caso per la data, 10 Marzo 1957,  erroneamente usata da molti gli astrologhi di tutto il mondo per dire sciocchezze sul conto di Bin Laden, assieme ad altre date altrettanto risibili come serietà che vanno dal luglio 1957 all'ottobre 1957 al gennaio 1958 ecc. ecc. e chi più ne ha più ne metta.

L'unica fonte certa , cioè Bin Laden stesso, ha solo detto in una intervista, a Jamal Abdul Latif Ismail per Al-Jazeera, di essere nato nell'anno 1377 dall'Egira, cioè ha dato il suo anno di nascita secondo il suo calendario, ovviamente quello Islamico.

Diciamo subito che passare dal calendario Gregoriano a quello Islamico non è proprio semplice ed immediato come potrebbe sembrare.

Il calendario Gregoriano, usato non solo in occidente ma in tutto il mondo come calendario ufficiale, prende il Sole come astro di riferimento e ha gli anni con un numero di giorni, 365 o 366, tale da coincidere con una rivoluzione della terra attorno al sole ed inizia per consuetudine il 1° gennaio.

Il calendario Islamico usa invece la Luna come astro di riferimento e l'anno islamico conta 354 o 355 giorni corrispondenti a 12 cicli lunari di 29,5 giorni, e quindi ogni anno ha un capodanno spostato indietro di 10/11 giorni rispetto al precedente anno (se visto dal punto di riferimento del Sole ovviamente).

Non solo esiste questa differenza ma in aggiunta l'inizio dell'anno viene calcolato partendo dal giorno in cui si vede per la prima volta la falce di luna dopo la luna nuova, di solito dopo uno o due giorni, il che porta ad avere delle date variabili dell'inizio anno anche tra paesi islamici diversi.

Infine, accanto alla indeterminatezza del giorno in cui viene vista la prima falce di luna nuova bisogna tener presente che i giorni non vengono contati come in occidente a partire dalla mezzanotte ma bensì a partire dal tramonto...del giorno prima...figurarsi la precisione richiesta dagli astrologi dove va a finire...

Comunque sia, l'Egira (la migrazione di Maometto alla Mecca) ha avuto luogo il 16 Luglio 622 (Gregoriano) e da questa data si deve cominciare a contare quando si fanno i calcoli per passare da un calendario all'altro.

L'anno dichiarato da Bin Laden corrisponde quindi al 1957, ma attenzione che l'anno islamico 1377 comincia il 28 o 29 (forse il 30) Luglio 1957 e finisce il 16 o 17 Luglio 1958, pertanto qualsiasi data presa come data di nascita di Bin Laden anteriore al 28 Luglio 1957 è da considerarsi errata (e anche di molto).

Attenzione poi che nei paesi arabi, specialmente nelle famiglie e comunità più tradizionaliste, non esiste quella smania prettamente occidentale di festeggiare i compleanni, la data di nascita non viene ricordata ne registrata in quanto priva di importanza, a loro basta ricordarsi del mese di nascita, figurarsi se qualcuno tiene conto dell'ora...

Per comprendere quanto poco conti il giorno di nascita per gli arabi del medio-oriente basti pensare che esiste l'usanza per moltissimi di loro di dichiararsi nati il 15 del mese, a metà mese cioè, tanto per far capire come un giorno valga l'altro.

E' pertanto sicuro al 99,999% che Osama Bin Laden non sapesse affatto in che giorno e ora fosse nato e non potesse importargliene di meno!

Resterebbe da chiedersi, e molti se lo sono infatti chiesto, come siano saltate fuori tutte la date spacciate per vere ma assolutamente impossibili che circolano su internet, il fatto è che di solito sono date arrivate da fonti che citano altre fonti che portano in campo altre fonti, oppure da astrologi che arrivano a date che loro ritengono giuste per averne verificato l'affidabilità (sic) con la rettifica a mezzo progressioni o direzioni primarie.... la data del 10/3 invece sembra arrivi da fonti vicine (mai direttamente !) alla CIA che sembra abbiano questa data nei loro registri, per me una ragione in più per dubitare,...una informazione sfuggita dai registri della Cia, figuriamoci!

Solo che se consideriamo, come si deve assolutamente fare se non si vogliono prendere cantonate, che si sta parlando del terzo mese islamico cioè del "rabi al-awwali" e non di Marzo, allora una data possibile diventa dal 3 al 5 ottobre 1957, e sembrerebbe quasi uno scherzo che le date 3/10 e 10/3 siano semplicemente il modo diverso di scrivere la stessa data in europa e in USA, considerato però come gli americani sono stati capaci di mandare all'aria uno sbarco di un robot su Marte per aver scambiato il sistema metrico europeo con quello imperiale ancora in uso negli USA...tutto sommato, forse ....chissà...

Resta il fatto che nessuna data conosciuta fino ad oggi è certa.

Se trovate quindi qualche astrologo un pò superficiale che vuole far passare Osama Bin Laden per un Pesci oppure per un Leone o anche Bilancia se non addirittura un Capricorno (qualcuni ipotizza una data di nascita nel gennaio 1958) vi consiglio di non dare troppo peso a quella che non può essere altro che una semplice esercitazione di retorica astrologica.