mercoledì 5 ottobre 2016

Elezioni presidenziali USA 2016, Hilary o Donald...?

Donald Trump e Hilary Clinton
Finalmente sono riuscito a trovare il tempo per postare un nuovo articolo, e per ricominciare veramente alla grande ho pensato che non ci fosse niente di meglio che parlare un pò delle ormai prossime elezioni presidenziali negli USA.
Però parleremo di elezioni solo da un punto di vista strettamente astrologico, come ho detto anche in altre occasioni questo è un blog di astrologia e le mie opinioni politiche credo interessino ben poco i lettori.
Cominciamo col dire che sò benissimo che chiunque verrà eletto non sarà il "mio" presidente, però, pur non essendo un cittadino americano, sono egualmente interessato a sapere chi sarà l'inquilino della Casa Bianca per i prossimi 4 anni, la cosa infatti riguarda il mondo intero e non solo gli Usa, non stiamo parlando di chi comanderà a San Marino o nel Urkachebelgibiristan, stiamo parlando della nazione che fino a ieri era l'indiscussa leader mondiale (non sono un politico e non saprei dire chi è oggi, tra Usa, Russia e Cina, la nazione più influente ma questo è tutto un altro discorso...)

Ho seguito fin dall'inizio le campagne elettorali dei due partiti e adesso che i candidati sono stati nominati e la data del voto è ormai molto vicina, nel momento in cui ho provato a vedere se le mie conoscenze astrologiche mi permettevano di conoscere in anticipo chi sarà tra i due il prossimo presidente ho trovato qualche difficoltà a trovare una risposta astrologica convincente.
Il problema non nasce dal tipo di tecnica astrologica che posso usare nè da altri fattori (vedi qui il mio post sulle difficoltà di fare previsioni elettorali) il problema è che qualsiasi tecnica astrologica tradizionale o moderna io voglia adoperare devo per forza fare un qualche tipo di comparazione tra i due candidati usando i loro temi natali, ma mentre per Donald Trump la data e l'ora di nascita è abbastanza certa (nei limiti cioè della precisione ottenibile da un certificato di nascita) per Hilary Clinton l'ora di nascita semplicemente non è conosciuta.

Se avete trovato su internet qualche sito astrologico anche famoso che spiega perchè Hilary Clinton vincerà o perderà in base a qualche fortunata o sfortunata coincidenza astrale sappiate che sono soltanto delle illazioni basate su dati inventati, esistono infatti tante ore di nascita per la Clinton quante ne volete, si spazia dalle 01:55 alle 08:00 fino alle 20:00, praticamente quasi 18 ore, cioè quasi tutto il giorno...l'unica cosa certa è che sono tutte ore di... incerta origine, per la maggior parte dei casi ottenute da rettifiche dell'ora fatte da qualche astrologo più o meno affidabile sulla base degli eventi noti della sua vita.

"...non credete a chi dice il contrario...anche io voterò per lei!....".

Il fatto che alcuni astrologi diano più credito ad un'ora invece che ad un altra è solo questione di preferenze personali, di quali siti internet frequentano...di questi tempi se volete che un fatto diventi vero, anche se non lo è, non dovete far altro che farlo circolare abbastanza a lungo su internet, finchè si perde memoria da dove è partita l'informazione e tutti citano tutti senza che si possa dire chi è stato il primo ad iniziare...più gente riporta il fatto e più vero diventa.
Detto questo il problema rimane; come fare per conoscere l'esito delle elezioni usando l'astrologia?
Per cominciare sono andato a vedere cosa ne pensano gli astrologi in giro per il mondo. 

Per non tediare il lettore con troppi numeri e rimandi dirò solo che gli astrologi si sono divisi in due gruppi distinti, circa il 70% prevede che vincerà la Clinton, l'altro 30% vede invece vincitore Trump.

A chi credere?
A nessuno!...o quasi...

La maggioranza degli astrologi infatti usa le solite tecniche classiche, transiti, rivoluzioni solari, progressioni secondarie, direzioni primarie ecc..ecc...ed è quindi impossibile credere ad uno invece che ad un altro visto che tutto dipende da quale ora hanno scelto come ora di nascita della Clinton e siccome l'ora non è nota non si può dare credito a nessuno di loro.

Ci sono però delle eccezioni: due astrologhe hanno basato la loro previsione su metodi che non tenevano in conto il tema natale dei candidati e sono Nina Gryphon (qui il link al suo blog) e Bernadette Brady, entrambe hanno dato vincente la Clinton pur usando due tecniche completamente diverse.

La prima astrologa è quella a cui credo di più, da me citata (qui il mio post del 2012) anche in occasione della rielezione di Barak Obama 4 anni fa da lei prevista esattamente, e le credo principalmente perchè è l'unica che ha avuto l'intelligenza e la pazienza di esaminare con strumenti astrologici tutte le elezioni presidenziali americane passate per trovare un metodo capace di predire il risultato in anticipo.
Il suo metodo consiste nel erigere la carta dell'ingresso del Sole in Ariete nell'anno delle elezioni, domificata ovviamente per la capitale degli USA e cioè Washington, e vedere quale dei due partiti, quello al governo e quello all'opposizione, è maggiormente favorito dagli astri, se leggete il mio post sulle elezioni del 2012 troverete maggiori informazioni sulla tecnica usata, informazioni che non sto qui a ripetere.

Secondo la Gryphon l'ingresso nell'Ariete di quest'anno favorisce se pur di poco il partito al governo, per cui dovrebbe essere eletta la Clinton che corre per il partito Democratico.
Il tema qui riportato dell'ingresso in Ariete per la città di Washington mostra come il partito al potere (10a casa) sia rappresentato dal segno della Vergine mentre quello all'opposizione (4a casa) sia rappresentato dal segno dei Pesci.


Mercurio si trova in 4a casa e Giove in cuspide di 10a, ambedue i governatori sono posizionati nel segno dell'altro, e sono quindi entrambi in forte debilità essenziale.
Giove come generico pianeta benefico fortifica la casa 10a, anche il nodo Nord molto vicino alla cuspide contribuisce a fortificare questa casa.
Nella 4a oltre a Mercurio troviamo ovviamente il nodo sud, mercurio come pianeta generico non è nè benefico nè malefico, il nodo sud invece porta debolezza in casa repubblicana.

Giove preso invece non più come pianeta benefico ma come significatore del rappresentante del partito all'opposizione (in questo caso essendo tempo di elezioni rappresenta il candidato repubblicano) è retrogrado e si sta allontanando dalla casa 10a (il governo) come se fosse indicata una sconfitta, una mancata presa di potere, non prevista e arrivata all'ultimo momento dopo aver accarezzato sogni di vittoria.

Barak Obama
Mercurio che qui rappresenta ancora il capo del Governo (Obama) è isolato, senza aspetti maggiori, ormai in uscita dal segno dei Pesci e ben raffigura l'attuale presidente che è a fine mandato, praticamente privo di poteri, senza l'appoggio delle due camere, mentre si approssima ad uscire di scena.

Per le ragioni appena esposte, secondo Nina Gryphon, anche comparando questo tema ad altri precedenti riguardanti elezioni presidenziali, il partito democratico risulterebbe favorito.

Per quanto riguarda la Brady (qui la pagina del suo sito relativa alle elezioni presidenziali americane) la sua spiegazione è abbastanza complessa e mi convince solo in parte, spiega infatti che poichè il giorno delle elezioni (8 novembre) Venere è vespertina (occidentale al sole e si può vedere in cielo, per un breve lasso di tempo, solo dopo che il sole è tramontato) allora vale la regola che vince il partito che viene favorito dalla luce di Venere,  per congiunzione o aspetto.
Siccome l'unico pianeta che può usufruire della benefica luce di Venere è Saturno posizionato nello stesso segno allora vuol dire che vince il partito al governo, visto che secondo la Brady Saturno significa sempre il partito che ha il potere.

La Brady, a differenza della Gryphon, ha esaminato solo le elezioni dal 1900, in poi e quindi mi lascia qualche piccolo dubbio anche perchè secondo lei la tecnica impiegata è di origine Babilonese per quanto usi anche i pianeti moderni nei suoi giudizi.
Devo però dire che la Brady con questo metodo ha previsto esattamente sia il risultato delle elezioni del 2008 che del 2012 e perciò, fino a prova contraria, merita ampia considerazione, è per questo che l'ho citata tra le fonti credibili.

Oltre a coloro che hanno usato i temi di nascita dei due candidati, esistono anche astrologi che hanno usato per le loro previsioni le date dei discorsi di accettazione fatti dai due candidati dopo le primarie, ma rimango fortemente dubbioso su quanto possa valere una previsione fatta basandosi sull'orario dei discorsi di accettazione, per cui non ne tengo conto, magari mi sbaglio, ma così la penso e il 9 novembre sapremo chi ha avuto ragione..

AGGIORNAMENTO POST ELEZIONI (9-11-2016)

Avevano ragione quei astrologi, circa il 30%, che davano vincitore Trump.
Questo fatto dimostra ancora una volta come sia molto difficile prevedere con l'astrologia il risultato di elezioni politiche.
Già nel mio post relativo alla rielezione di Obama avevo esposto i miei dubbi in merito, dubbi che sembravano essere stati cancellati da alcuni metodi previsionali escogitati da due astrologhe e da me citati.
Purtroppo hanno sbagliato entrambe, e io con loro nel citarle e dare credito a qualcosa che evidentemente non era ancora ben collaudato.
Non appena ci saranno commenti da parte delle autrici da me prese in considerazione aggiornerò di nuovo il post, ma credo che molto vada cercato nella impossibilità di tenere fuori da qualsiasi previsione, che ci coinvolga in qualche modo, le nostre preferenze e le nostre idiosincrasie, le nostre speranze e le nostre paure, alla fine l'astrologo che vuol fare l'astrologo di se stesso finisce col vedere nel tema solo ciò che vuol vedere invece di leggere solo ciò che il tema dice. .
In più devo dire che vi sono anche alcune lacune da parte di noi astrologi moderni nell'uso delle tecniche antiche; per quanto si possa e voglia aderire al pensiero di chi secoli fà (o millenni) ha inventato delle regole astrologiche solo oggi riscoperte, è sempre difficile abbandonare il pensiero razionale moderno per pensare come pensavano gli astrologi dell'antichità.
Una buona occasione per un pò di umiltà e ulteriore lavoro e studio da parte di tutti gli astrologi moderni, che, a parte l'uso del computer, non sembra abbiano portato poi così tante innovazioni reali e positive nell'arte astrologica.
  
                                                ULTERIORE AGGIORNAMENTO

dopo aver atteso un chiarimento da parte delle autrici delle previsioni di cui sopra ho deciso di dare una mia interpretazione della mancata previsione in questo post 



i coniugi Trump e i Clinton....l'ultima volta insieme?



2 commenti:

Gustavo Woltmann ha detto...

Veramente avevano ragione quelli che avevano pronosticato la vittoria di Trump...ed erano la minoranza. Gustavo Woltmann

Anonimo ha detto...

COMMENTO DA ALFIO : Saturnello ci ha preso benissimo perche ha scritto :". Chi ha ragione ? Tutti e nessuno " ...infatti dovete tenere conto che in questo caso non si puo parlare di previsioni sbagliate in quanto a creare confusione nelle previsioni e stata la circostanza che Clinton e risultata vincitrice nel voto popolare ma non nel numero dei delegati raccolti.Il fatto che poi Saturnello ha citato due astrologi che hanno dato vincitrice Clinton rientra comunque in questo equivooco . del resto che si intendeva per vincitrice quando si sono interrogati gli astri ? Aggiungo che le elezioni cadevano di martedi e nel giorni immediatamente precedenti Branko scrisse e disse "tre giorni di grandissima fortuna per i gemelli" e quando lessi pensai " qua va a finire che vince Tump nato il 14 giugno" .cordiali saluti